Archivi tag: Stato di emergenza

Chiedo … Pietà

 

“… l’insorgere di situazioni che comportino grave danno o pericolo di danno alla incolumità delle persone e ai beni e che per la loro natura o estensione debbano essere fronteggiate con interventi tecnici straordinari

Così definisce l’art. 1 della legge 8 dicembre 1970 n. 996 lo Stato di Calamità Naturale. In tale situazione di crisi,

per quanto riguarda il soccorso e l’assistenza alle popolazioni colpite, il diretto intervento dello Stato è in stretta connessione con la particolare gravità ed estensione dell’evento”.

Sono oramai otto giorni che vivo senza riscaldamento e acqua calda. Alla riaccensione della caldaia, i miei tubi, vecchi di quarantanni o forse più, hanno pensato bene di mettersi a piangere, gocciolando sempre più fino ad allagare le fondamenta della mia casa e mandando in tilt – oltre al sistema di riscaldamento –  i miei nervi.

Ho gli operai in casa da otto giorni, esclusa la domenica. La foto che ho postato è stata fatta ieri sera, al mio rientro a casa, dopo una giornata di lavoro. Il pavimento in vecchio cotto della sala è andato e il freddo nelle stanze si fa  sempre più sentire. Oramai da qualche giorno in casa io e Baby G. abbiamo attivato lo Stato di Emergenza: ci alterniamo in palestra io e a tennis lui, per fare una doccia calda, e la sera dopo cena, ci chiudiamo in una stanza con la stufetta elettrica accesa. Per dormire abbiamo attivato ben quattro borse dell’acqua calda, due per letto. Una notizia buona: sembra che l’ibernamento non faccia invecchiare.

Se la situazione non dovesse migliorare entro domani, cioè venerdì, sarò costretta a chiedere al Comune di Firenze nella persona del Sindaco Renzi, lo Stato di Calamità Naturale che prevede l’intervento dello Stato. Volete vedere che alla fine potrei riuscire a farmi stanziare qualche migliaia di  Euro nella prossima finanziaria? Perchè qualcuno dovrà pur pagare tutti questi operai!

Oh Cielo, chiedo solo un po’ di Pietà!