Archivi tag: sms

2011 via sms

 

25 dicembre 2010     bip bip

“Caro Babbo Natale…oddio scusa ho sbagliato numero ho fatto quello della Befana!”

5 Gennaio 2011     bip bip

“Presto corri! Nel negozio sotto casa mia sono iniziati i saldi! Potrai trovare 3 scope a 15 Euro…stanotte ne avrai bisogno!”

6 Gennaio 2011     bip bip

“Com’è andata questa notte? Stanca del lavoro? Chiamami quando ti svegli, così mi racconti com’è andata con le nuove scope!”

 

In un certo senso sono contenta che queste vacanze siano quasi finite, magari non riceverò nessun altro sms così “simpatico” fino al prossimo anno.

Dunque eccoci di nuovo qui, davanti ai nostri schermi a raccontarci le nostre vite, i nostri successi, i nostri dubbi, le incomprensioni e gli insuccessi che ci capiteranno lungo tutto questo nuovo anno.

Vi scrivo ancora dalla mia dimora di vacanze sulle Alpi francesi. Il tempo è stato davvero bello e ci ha concesso di organizzare molte attività. Sono oramai una sciatrice di una certa età ed il tempo delle sciate dalle 9 di mattina fino alla chiusura degli impianti è terminata. Mi piace godermi la casa, la tranquillità di un piccolo paese lontano dal caos. Ho fatto molto sci nordico (di fondo) ma non quello tradizionale bensì quello in cui si “pattina”. Faticosissimo, ma divertente anche perché è un’attività s’incornicia in un ambiente boschivo e innevato che è davvero da sogno.

Lo so anche quando scio sono un’inguaribile romantica!

La salute della mia comitiva è stata tutto sommato buona: una distorsione al polso, un ginocchio dolorante, qualche febbrone a 38,7 e una serata di vomito seguita da una notte di febbre a 37,7 … ci sono state vacanze peggiori!

Da parte mia ho cercato in questi quindici giorni di isolarmi e non pensare ai problemi di casa, nonostante il mio commercialista abbia già iniziato ad inviarmi mail con richieste varie di dati mancanti per completare il bilancio della società. Le ho lasciate lì in attesa della prossima settimana, quando il mio mondo si coricherà nuovamente sulle mie spalle…con la speranza che questo 2011 mi regali cuscini abbastanza soffici per sopportare il peso di un nuovo intero anno con un po’ più di leggerezza!

7 gennaio 2011    bip bip

“Con qualche giorno di ritardo … ma auguro a tutti voi un soffice 2011!”

Annunci

Che scocciatura! O no?

Sono nata negli anni ’60. Cresciuta senza airbag, nè cinture di sicurezza, nè tanto meno specchietti retrovisori laterali.  Ricordo bene l’acquisto del mio primo motorino “Ciao” bianco ad appena 14 anni: entrai in un negozio con mia madre e ne usci un oretta dopo a cavallo del mio “bolide”. Senza casco, nè patentino.

Ho conosciuto la sicurezza nelle strade un poco alla volta. Regola dopo regola: che noia il casco nelle giornate afose; che scocciatura le cinture di sicurezza che stringono al collo! Ma tant’è che ci si abitua e male non fa. Anzi.

Pochi giorni fa ho ricevuto una raccomandata verde. Una multa. Viaggiavo in città con il cellulare all’orecchio. Una pattuglia che veniva nell’altro senso di marcia mi ha visto, ha preso la targa della mia macchina e dopo meno di due mesi è arrivata la multa.

Stizza e rabbia. Che scocciatura! Più di 100 euro, via 5 punti dalla patente  e ritiro della stessa se recidiva nel biennio!  Oh Cielo! Non parlo normalmente al cellulare in auto, ma capita. Se squilla rispondo più rapidamente possibile e poi dopo richiamo. “Ma che sfiga”, mi son detta,  “beccata” in un momento di fragilità!

La cosa che mi ha però fatto riflettere è stata la reazione “dell’uomo dalle strane scarpe” (vedi il mio articolo “Diversità”) e quella di Medium A. (mia figlia 19enne patentata il 7 luglio appena) quando ho loro raccondato della mia “sfortuna”. Se speravo in qualche loro comprensione mi ero sbagliata. Mi hanno urlato e inveito contro con appellativi diversi ma ugualmente coloriti ” **** non devi telefonare in auto!!” … E’ evidente che loro tengono a me e alla mia salute, più di quanto non abbia fatto io negli ultimi tempi.

Non ho potuto far altro che abbassare le cresta e dare loro piena ragione. Ho tirato fuori l’auricolare e non appena entro in auto adesso, dopo essermi allacciata le cinture, lo collego al telefonino e parto più tranquilla.

In Inghilterra  viene trasmesso  questo filmato durante le lezioni di guida allo scopo di sensibilizzare i giovani a non usare il telefonino alla guida. Se siete maggiorenni e non avete appena mangiato guardatevi pure il filmato: 4 minuti che potrebbero salvare la vita a voi e a noi.

Personalmente pensavo di scrivere ai due Vigili che mi hanno  multato per ringraziarli. A volte sono davvero una stupida … scusate!