Archivi tag: sinonimo

Schadenfreude

    

Io faccio davvero difficoltà a vivere senza un dizionario in mano.

Un po’ perché è difficile sapere tutto; un po’ perché c’è sempre da imparare (che forse poi è lo stesso);  un po’ perché devo sempre capire le differenze che ci sono fra un sostantivo e un altro o fra un aggettivo e un altro; un po’ perché ho delle lacune pazzesche; un po’ perché sto invecchiando e ho dei vuoti di memoria (sinonimo dei  buchi di conoscenza di cui sopra) sempre  pazzeschi.

Leggevo un libro a letto ieri sera. Di quelli leggeri senza peso, con la copertina morbida, che si leggono bene senza avere i crampi alle mani per il volume oneroso, quando nel secondo rigo della nona pagina m’imbatto in un “filantropo”.  Lapsus totale. Tanto ero concentrata nella  lettura di quel briciolo di filosofia che l’autore del libro cercava di trasfondermi,  che il vuoto di significato per una parola abbastanza ordinaria nella sua straordinarietà (suvvia, quanti filantropi conoscete?) è stato totalizzante.

Dentro di me sapevo di conoscere il significato della parola e comunque  il senso della frase mi faceva capire che gran bel sant’uomo fosse il tizio, ma il bisogno della spiegazione “ufficiale” davvero mi mancava. In questi casi mi fondo dalla curiosità di sapere se il termine venga usato anche con altre accezioni, se esiste uno specifico contrario  o addirittura se sia mai esistito nella storia  un “filantropo” d’eccezione.

Credetemi: per dubbi simili sono capace di rimanere serate intere collegata in mondovisione a google, wikipedia, generatori di contrari e sinonimi, dizionari, traduttori  e un numero infinito di blog che hanno taggato la mia parola chiave.

Ma ieri sera il dubbio fra lasciare quelle sicure e calde coperte per calpestare un freddo pavimento alla ricerca di una sagace risposta mi  ha fatto desistere. Purtroppo  la concentrazione dei dubbi sul “filantropo” del giorno, mi ha fatto perdere la concentrazione appropriata  per portare a termine la mia lettura. Ho perciò spento la luce senza trovare minimamente il sonno del giusto e ho rischiato di trascorrere  una notte agitata fra benefattori misericordiosi  e spietati aguzzini.

Fortuna ha voluto che da lì a poco telefonasse un angelo al quale ho immediatamente chiesto (dopo i saluti di rito, chiaramente)  il significato di “filantropo”.  La sua risposta è stata assolutamente esaudiente ed i miei problemi d’insonnia scomparsi…

… almeno oggi nessuno di voi leggendo questo articolo potrà  essere accusato di aver provato anche solo un po’ di  shadenfreude!

 

     

p.s. Dice il proverbio :”La Schadenfreude è la forma di gioia più perfetta (perché viene dal cuore)”.

Annunci