Archivi tag: Gap generazionale

Generazioni X Y Z

 

“Una Generazione” si riferisce normalmente a un gruppo di individui che vive un certo periodo storico e si considera, spesso per convenzione, il lasso di tempo (circa 20-30 anni) che trascorre fra la nascita dei genitori e quella dei figli.

In questo senso, Generazione indica un processo con il quale le persone acquisiscono e poi trasmettono nuove caratteristiche, spesso rompendo le regole con la Generazione precedente. Lo stesso vale per la tecnologia: ricordate la “prima generazione” di telefonini che potevano solo telefonare? Niente sms, né macchina fotografica, né musica mp3 o posta elettronica, né suoneria personalizzata. La tecnologia si evolve e così l’essere umano. Se poi questa evoluzione sia sempre positiva … parliamone.

Non sono una Baby Boomer, nata dopo la Seconda guerra Mondiale nel periodo definito appunto del baby boom, ma solo per poco. Sto lì a cavallo, nata qualche manciata di mesi dopo e sento di far parte della Generazione X, dove X sta a rappresentare  la mancanza d’identità sociale: sono della generazione che ha scelto come marchio culturale il rifiuto di crescere per diversificarsi dai “vecchi” .

Sono cresciuta sotto la minaccia della guerra fredda. Ho assistito al crollo dell’Unione Sovietica, del muro di Berlino e alla consacrazione dell’America di Regan come potenza.  Noi della X Generation siamo la prima generazione che “dorme assieme prima del matrimonio“,  quelli della pubblicità in bianco e nero di Carosello, ma anche coloro che hanno   “inventato” e fatto espandere internet. Non vorrei dirlo ma ci siamo tirati la zappa sui piedi!

Le mie figlie fanno parte della Generazione Y… denominata anche Generazione MTV, quelli cresciuti nell’era telematica, della comunicazione digitale, di FB … il che mi sembra già abbastanza esaustivo.

Baby G. fa parte della Generazione Z. Non si sa bene ancora con cosa crescerà … ma è certo che ha imparato a fare il “contadino“, a piantare il cavolo e raccogliere le uova, su Farm Ville: un’applicazione di FB.

Ammetto di non aver sentito fino a poco fa nessun vero “gap generazionale” fra me e le mie ragazze. Certo loro si divertono a prendermi in giro perché non conosco mai l’ultimo successo musicale, “quello che  spacca” e tutte le volte che domando loro un aiuto per l’utilizzo dell’ultimo congegno elettronico di casa mi fanno sentire una vera  perdente o come dicono loro “Looser“. Ma va bene così: la cosa anzi mi diverte: io ho insegnato loro a camminare sulle strade del mondo e loro m’insegnano a camminare dentro la tecnologia più moderna.

Da poco mi rendo conto però che la vita che ho insegnato loro –  come loro l’hanno percepita, assimilata e fatta propria – sempre più spesso non coincide più con la vita come la concepisco adesso io. Le nostre strade forse si stanno davvero separando. Loro diventano sempre più indipendenti, fanno esperienze sociali diverse, vivono lontane da casa e faticano a volte, o sempre più spesso,  a comprendere la mia “nuova” visione del mondo.

Perchè a ventanni la prospettiva di non costruire tutto ciò che è nei propri sogni è fuori da ogni percezione, a quaranta … almeno per una come me della Generazione X, è un po’ la CERTEZZA!