Identità virtuali

Firenze non offre davvero molto per gli artisti contemporanei. E’ una città talmente incentrata sui suoi “musei capolavoro”, sui suoi palazzi medicei, le chiese romaniche … che il resto viene troppo spesso perso nell’ombra.

Eppure esiste un nuovo bel centro espositivo  l’EX3, che offre ampi spazi luminosi dedicabili anche a grandi, interessanti  installazioni contemporanee quelle che, per capirsi,  vanno tanto di moda. Se sei un artista contemporaneo devi per forza presentarti al pubblico in maniera poliedrica. Nel tuo curriculum devono figurare creative  installazioni, video incomprensibili e grandi opere fotografiche o pittoriche: diciamo un metro e mezzo come minimo per lato.

Ma esiste a Firenze anche un luogo magico, nei sotterranei di  Palazzo Strozzi, chiamato appunto “la Strozzina”.  Un Centro di Cultura Contemporanea che propone ogni volta percorsi interessantissimi. Attualmente è in corso una mostra titolata “Identità virtuali“.

Identità virtuali indaga come la cultura digitale stia ridefinendo caratteri e confini della nostra identità, sia personale che collettiva. Essere costantemente reperibili e interagire con i telefoni cellulari, condividere pensieri ed esperienze della propria vita tramite i social network sono elementi comuni alla vita della maggior parte delle persone. Nell’odierna società della comunicazione, una persona sembra esistere solo se rintracciabile online e nel costante flusso di informazioni.
Opere e installazioni di artisti internazionali riflettono sul nuovo rapporto tra uomo e tecnologia nel segno delle “identità virtuali” con cui sempre più spesso affrontiamo la realtà, anche senza accorgercene.

L’esposizione sarà visitabile fino al 17 luglio e vale certamente un viaggio a Firenze, anche perchè  se state leggendo questo articolo, on-line sul mio blogIdentità virtuali parla proprio anche di voi.

[nella foto: My Bed, installazione di Tracey Emin, Tate Gallery, Londra, 1999]

Informazioni su solindue


30 responses to “Identità virtuali

  • semprevento

    …bene, allora la prossima settimana vengo a Firenze!!
    Mi darò alla vita segreta….di vento.
    E come tu sai..ognuno ha il suo vento…

    bacio cara Sol🙂

    vento

  • imieicattivipensieri

    ci si può fare un pensierino….

  • arthur

    Come dire che ci prendi per la gola.

    Mi erano sconosciute sia l’EX3 che la Strozzina, grazie dell’informazione.

    Non mi affascinano in modo particolare le istallazioni, proprio perché spesso sono incomprensibili. Mi domando, a volte, come fanno a inventarle e la conclusione è sempre la stessa: probabilmente sono più creativi di me.
    Che rabbia!🙂

    Beh, ma per caso troviamo anche qualche tua istallazione?
    Così giusto per saperlo e a proposito dopo, dove ci porti a cena?

  • semprevento

    …ooo ma che sfacciato!!!!
    si porta al sacco!!!
    Di sicuro ci sarà un raggio laser per scaldare le lasagne….dell’Arthur!!!
    …una domanda: per esser creativi bisogna essere pazzi?
    me lo chiedo spesso…🙂

  • solindue

    No, assolutamente no, mia cara Vento … nessuna pazzia, ma forse una marcia n più!

    p.s. le lasagne con questo caldo? Una semplice “caprese” …. preferirei

  • semprevento

    …era per stuzzicare il capitano…
    mica per altro…a me va benissimo un panino vuoto…
    è la compagnia che conta…
    Mi passi a prendere alla stazione???
    quella la conosco…
    in segreto è chiaro…mi mimetizzo bene….
    basta che non metta gli occhiali..e chi mi riconosce!!!🙂

  • arthurrthur

    Le istallazioni più belle le ho viste alla Biennale di Architettura all’Arsenale di Venezia, dove c’erano, tra l’altro degli schermi enormi che proiettavano in continuazioni immagini delle città nel mondo intero. Altre nei vari padiglioni, alcune incomprensibili, ma si sa che l’architettura è un campo a sé. Un anno ho visto un’istallazione bellissima e avveniristica nel padiglione Giapponese ed una in quello Svedese, fantastiche.

    Per il resto, beh, in genere sono alquanto scettico, penso che un’opera debba parlare da sé, senza fronzoli complicati e, a volte inutili. Nell’architettura la provocazione ci sta tutta, ma nell’arte in genere, soprattutto quella visiva, chi provoca in genere non ha nulla da dire, ma questa è ovviamente un mio pensiero e poi dipende sempre da chi e cosa espone.

    Come hai giustamente detto, mi pare, ormai per farsi notare bisogna passare attraverso questo tipo di rappresentazioni, ma quante volte la sensazione è di estremo disordine?

    Sono andato a vedere chi è Ernesto Neto e ho trovato scritto… “Ernesto Neto è un po’ scultore e un po’ designer: crea installazioni fluttuanti dalle forme organiche e floreali che sembrano piovere dal soffitto…” E’ davvero così coinvolgente?

    Comunque a parte gli scherzi, mi piacerebbe andare ad una di queste istallazioni con te, chissà potrebbe essere interessante oppure, magari soltanto divertente, che dici?

  • arthur

    Oh mannaggia, sono andato in moderazione.😦

  • solindue

    Liberato dalla moderazione.
    Mi chiedi se Neto è coinvolgente … dippiù!
    E’ un INCANTO

  • arthur

    Ho visto, però non hai detto cosa ne pensi delle istallazioni in genere.

  • zebachetti

    scusate il disturbo…….passo a farti un saluto e raccogliere delle buone informazioni visto il contenuto interessante del tuo blog.ciao ps non ti fidare di quella con gli occhialoni non mi sembra un tipo raccomandabile un saluto anche a te ciospa ed anche arthur anche se non ci conosciamo

    • semprevento

      Ecco, questo è un altro personaggio..amico mio…
      parla male di me…lo so..eppure, posso giocarmi la paghetta, che non mi tradirebbe mai!!!!🙂
      ciao animagrossa…vò a portà l’omo di ‘asa Vento al pascolo!
      Buona serata Sol…

  • Flavia Altomonte

    Interessante. Sto già visitando il sito della Strozzina, palazzo Strozzi. È incredibile come quante cose si possono conoscere attraverso il web, e attraverso il tuo blog!😉

  • arthur

    @ Solindue: mi consolo allora.😉

    • solindue

      Forse non mi sono spiegata… è la parola “in genere” a non avere significato, non le istallazioni. Quelle le considero arte come ogni altra forma quindi possono attrarmi o meno…così come gli acquerelli, le statue, i blog, gli articoli. Non esiste una possibile catalogazione dell’arte sotto la specie “in genere”. Ogni singola forma di arte può scaturire emozione a prescindere dal “genere”.
      Mi son spiegata??

  • arthur

    @ Zebachetti: grazie, un saluto anche a te.😉

  • Fabio

    Il mio blog si ferma per un po’ . Però volevo salutarti prima della pausa un abbraccio, Fabio

  • semprevento

    un va bbè nulla!!!
    ufffff……baci!!!🙂

  • carlotta

    ammetto che dell’arte contemporanea non so granchè…forse per il genere troppo astratto a volte…però preferisco la fotografia e le nuove tecniche che del digitale son permeate. Ultimamente i nuovi indirizzi riesco a tollerarli meglio, anche se mi imbestialisco sempre davanti a quelle sedie demenziali con le lattine sopra che evocano un certo “sturm und drang” dell’anima…dei loro antenati!
    Interessante il tuo suggerimento, ottimo spunto per una visita.
    Un abbraccio

  • solindue

    Ciao Carlotta … riflettevo: magari “le sedie demenziali con le lattine sopra” servono proprio per suscitare sentimenti duri e rabbiosi. Se così fosse l’Artista avrebbe dato il meglio di sè, non credi?
    Bacino

  • carlotta

    Mah! Di duro mi viene soltanto il legno della seduta e di rabbioso mi viene giusto il pensiero di lanciare quelle lattine nei pressi dell’….artista, che credo che rinscavisca immediatamente con differenti propositi creativi…
    che vuoi…l’arte contemporanea non è per me!
    Aribaci.

  • Jaulleixe

    …!!!!!!!!!!!! e quand’è che ‘sta Tracey sarebbe riuscita a immortalare il nostro letto?!? ;-P

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: