…di attrazione e

Fili di Vento

Pensare che io sia insensibile e indifferente a ciò che mi ha accolto in questi tanti mesi è sbagliato.

Vi vedo, vi sento e qua e la vi seguo.

Ma non sempre  riesco a coniugare il verbo giusto. Manca la congiunzione adatta e la parafrasi non riesce. Il commento non nasce o, peggio ancora, muore sul nascere.

Un po’, lo ammetto, è perché in questa primavera ho letto e patito fortemente i sentimenti negativi che a fiumi son scorsi nei diversi spazi personali. Dentro di me è venuto a mancare il “senso della cosa”, non trovo il bandolo della matassa, non ritrovo il sentimento giusto e positivo che mi legava  a questo mondo blog.

Immagino sia la certezza che qui non è per niente differente che qua. Tutto il mondo è paese e la rete non sfugge a questa patetica simmetria. Devi sempre e comunque guardarti le spalle. “Occhio Sol’ a cosa scrivi, dove lo scrivi e perché lo scrivi”.

La foto che ho postato è di Vento. Ha fatto il giro dei blog,  vuoi perché è una magnifica  metafora della vita (questa la bellissima visione di Arthur), vuoi perché racchiude in sé l’estro ironico e creativo della sua brava padrona.

Personalmente l’ho scelta perché questo ondulare alternato di filari lucenti è ciò che provo attualmente per questo nostro mondo: una corrente alternata, un  flusso variabile in intensità, di attrazione e

Informazioni su solindue


20 responses to “…di attrazione e

  • solindue

    …e in fondo vedo la nebbia.

  • ilgattosyl

    giuro, non c’ho capito molto. Ma non faccio testo.
    besitos
    syl

  • Vαlentinα

    Dobbiamo tenere gli occhi aperti ovunque.

  • semprevento

    E prima la parte ventosa:
    mi son detta aprendo la posta: e che è ‘sto pingback??? che ho combinato stavolta?
    dovresti spiegarmi come si fanno queste diavolerie…
    anche Arthurino l’ha fatto…uhm…voi due siete dei maghetti del pc…clicca qui clicca là…fate diavolerie….ma c’avete pure voi il ditino nervoso?
    ….come vi capisco allora!!😉

    Per il resto carissima Sol…che dire?
    ..Non è giusto neanche guardarsi le spalle…
    da che cosa poi?
    Io credo che tu sia imprendibile…
    Non ho letto tutto il tuo blog…di te so ben poche cose…ti piace la vela, vinci gare ( grazie al vento anche), scrivi quello che pensi…ogni tanto esci dal coro… esponendo l’altra faccia della medaglia…(e mi pare molto.)
    Tu parli di sentimento giusto…sai perchè?
    Perchè sei onesta, tenera e rispettosa.
    Non a caso sei te il bandolo della matassa.
    ed è una matassa bella, creativa ed originale.
    e poi sei una tale testona cocciuta..(chi è senza difetti vada fuori di qui)che son certa che ritroverai quei filari a farti compagnia, divertendo te e me.
    Tutto questo mica vuol essere un consiglio ne un incentivo a farti tornare la serenità di un tempo…
    voleva essere una letterina…così, tanto per…

    …e pensare che ho postato lo scatto inutile per te…mi avevi rimproverata dal Capitano…ricordi?
    ti risposi ma non sei più passata..e sull’onca di quello scatto ho postato questi fili..perché la mia cartella è piena di questi scatti inutili…con fili e senza fili.
    Ora volo a nanna…
    Notte ciospina forte e deliziosa.

    vento

  • semprevento

    e la nebbia è come la cipria…vanitosa ..ma poi si dissolve come polvere al vento.
    Vuoi scommettere?🙂

  • aracne

    Sono fasi della vita. Neanche io riesco a dare senso alla mia vita in questo momento, o a metterla nella giusta prospettiva.
    Passerà, Sol.

  • spaziocorrente

    Il mare non ha padroni e tu lo sai. Si può essere preda delle correnti, ma poi il vento cambia, improvvisamente, e ti ritrovi in acque calme con lo sguardo rivolto verso il centro del tuo animo.
    Ciao

  • arthur

    Ti è venuto a mancare “il senso della cosa”? bello, quasi quasi ci scrivo un’altra metafora.😉

    Maddai, e cosa vuoi che sia… un momento di disagio, una via imbroccata male, il bisogno di cose certe, insomma, non è la fine del mondo, nel senso che esiste sempre la possibilità di vedere sotto un’ottica diversa questa cose, coinvolgersi ma senza perderci il sonno se è possibile.

    Scherzo ovviamente, so che non è facile e tra l’altro questo “senso della cosa” mi sa che ultimamente lo sto perdendo anch’io, ma mi piace pensare che girato l’angolo, qualcosa di diverso mi aspetta, perché non può essere diversamente.

    Oggi ho visto la mia ex compagna e nonostante le mazzate che s’è presa nella sua vita, è serena, mi ha fatto vedere la tesi di laurea che ha appena finito di stampare e a luglio si laurea in teologia. Ha più o meno la tua età e tanta voglia di continuare a girarla quella pagina, pur senza dimenticare. Mi raccontava che pur non essendo mai stata una cattolica d’eccezione, questa esperienza le ha aperto nuovi orizzonti, anche su prospettive di vita che le erano sconosciute.

    Una visione per certi versi del tutto nuova, che non ha cambiato la sua vita, ma che invece l’ha aiutata in un certo senso a ridimensionarla.

    Ecco, forse le cose che veramente contano sono queste e allora, al diavolo tutto, questi due giorni cerchiamo di viverli al meglio, perché così questo “meglio” lo doniamo anche alle persone che amiamo e che ci sono vicine.

    Passerà Socina Bella, passerà.

    Ti abraccio!

  • Franz

    Dici di aver “letto e patito fortemente i sentimenti negativi che a fiumi son scorsi nei diversi spazi personali“.
    Ovviamente non ho motivo per dubitarne, anche se tale non è stata la mia esperienza.
    Piuttosto, da parte mia, mi sembra di cogliere nettamente una sorta di stanchezza collettiva, che porta a calare vistosamente l’impegno richiesto dall’esercizio della lettura e della scrittura qui nella blogosfera.

    Non disprezzo i social network, Facebook in primis, che ritengo un potente mezzo di accesso alle informazioni e scambio delle stesse, un comodo strumento per rapidi comunicazioni ai propri amici di vita, e un formidabile catalizzatore di eventi e di partecipazione (reale) ad essi.
    Tuttavia, poter cliccare su ‘mi piace’ o scrivere in bacheca “oggi ho mal di testa” finisce per impigrire i naviganti.
    Ma noi teniamo duro, no?

    Salutone🙂

    • solindue

      … magari la stanchezza collettiva fa solo parte della primavera, gli animi si surriscaldano e la testa vola altrove… e il piatto piange!

      Personalmente non amo i social network, con i muri pieni di aforismi altrui, ma anche io riconosco la possibilità che hanno dato al mondo di “far sapere”, di portare a conoscenza di tutti cosa succede. Il caso Africa ne è un esempio lampante.
      Twitter e Fb sono una possibilità in più di informazione.

  • Vαlentinα

    Non saprei, ci sono talmente abituata che ormai mi viene naturale.

  • Suzanne Kijko

    Grazie per la visita e per il commento graditissimo.
    Vado a leggerti.

    Suz

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: