Archivi del mese: aprile 2011

X Factor

Oramai è andata così.

Ci sono marchi, aggettivi o appellativi che una volta affibbiati ci portiamo dietro per sempre.

Puoi cambiare, puoi migliorarti ma resti comunque “quello lì”.

Quando ero ragazzina avevo un amico che portava i baffi e da tutta la compagnia veniva chiamato “Baffino”. Si chiamava Alessandro, per gli amici “Sandro”  ma per la compagnia, per gli intimi “Baffino”.

Verso i 25 anni si fidanzò e si tolse i baffi: la sua ragazza e futura moglie non amava quell’appellativo. Dopo qualche anno si è sposato senza baffi, ha avuto tre figli ma per noi “amici” ha continuato ad essere, con affetto,  “Baffino”.

Attualmente è separato e si è fatto ricrescere i baffi. Dovere di cronaca.

I baffi, credo, siano stati in qualche modo il suo X Factor, ciò che lo ha reso sempre positivamente differente e lo ha contraddistinto dagli altri. 

Solindue, il mio avatar, è stata definita una  “Narcisa, che si compiace di se stessa“.

Son appellativi, duri, che restano addosso come il sapore dell’amore appena consumato. Io ho pensato di godermeli con piacere, e passionalità, anzi, di giocarci su.

Mia mamma diceva sempre: inutile piangere sul latte versato o chiudere la stalla quando i buoi sono oramai scappati!

Flavia Altomonte ha bandito un altro concorso “Ricordi in bianco e nero”. Le ho inviato una mia foto e per vincere ho bisogno che andiate sul suo sito a votarmi.

Sarò abbastanza “Narcisa”?

Questo sarà  il mio X Factor: coraggio amici votatemi… giocate con me!!

http://www.flavialtomonte.com/2011/04/votate-il-vincitore/

P.s. Tanto più che la foto è una figata pazzesca!  (Eh sì, sono davvero una che si compiace di se stessa!)


Cromoterapia

Aprile mi  fa venire in mente i colori pastello. Giallo, rosa e verde tenue. Sarà per la primavera che è all’inizio. Sarà per i fiori che iniziano a colorare i nostri giardini. Sarà per il cielo che dopo tanto grigio invernale spesso risplende di azzurro intenso e contrasta magnificamente con i tetti rosso-arancio della mia città.

I colori e le luci colorate hanno una grande influenza sulla vita di tutti noi. Tutto quanto ha un determinato colore e una vibrazione: le cose, le emozioni, i pensieri.

Sembra inoltre che ci sia la possibilità di interferire sul nostro stato d’animo mediante l’uso di luci colorate, abiti colorati, occhiali con lenti colorate, per riportare così equilibrio là dove è stato momentaneamente perso. Continua a leggere


Un nuovo amore

 

Un nuovo amore sboccia così, senza preavviso, assieme ai primi raggi di sole primaverile.

Lo si incontra un giorno, per caso. All’inizio si fa finta di niente cercando di negare a noi stessi l’evidenza: i palpiti al cuore, la strozzatura allo stomaco, e per ultimi i brividi alla schiena. Ma a quel punto siamo persi.

Le ore successive servono solo a sognare e organizzare l’incontro successivo. Le giornate scorrono, le persone parlano, litigano e fanno pace. Ma se tu hai un nuovo amore tutto scivola lieve. Non senti le anatre starnazzare, ma solo gli uccellini cinguettare fra i rami degli alberi in fiore.

Io mi sono innamorata di Holga.

Viene da Hongkong. Amici me ne avevano parlato sempre con entusiasmo. “E’ un portento!” mi dicevano.

Ma avvicinarsi a lei non è stato facile. Sono scelte che richiedono una buona dose di coraggio. Ma non sono una che si tira indietro e quando il mio cuore batte facendomi sentire appassionatamente viva sono pronta a fare scelte anche controcorrente.

Così ho scritto una lettera a ” Hoy Kui Lau, Room 2114-  Fuk Tai House”. Ho raccontato del desiderio di averla fra le mie mani. Ho pagato il viaggio da Hongkong a Firenze e sono rimasta in attesa del suo arrivo.

Da questa mattina Holga è con me.

Holga è una “Toy Camera”, estremamente economica (35/40 euro). Il corpo di plastica (nella mia scelta rosa) è sovente soggetto a difetti (nessuno di noi è perfetto)  facendo entrare spesso la luce nella parte interna. Sfocature, vignettature e aberrazioni cromatiche sono all’ordine del giorno. Veste pellicole sia a colori che bianco e nero da 120 mm.  Possiede un flash multicolor e una lente con una distanza focale di 60 mm.

I prossimi giorni serviranno per conoscerci meglio. La terrò fra le mie mani e lei sarà il mio terzo occhio, quello sfocato, quello imperfetto. L’occhio della mia anima, talmente difettosa che s’impressiona di luce anche quando intorno c’è solo buio.

 


Gorgeous

Gorgeous fa proprio per me. Perchè è una parola onomatopeica, che riempie la bocca e poi quella esse finale ridondante fa sembrare la cosa plurale, moltiplicata, in continua propagazione.

Non esiste in italiano un aggettivo che sia così altisonante, tradurlo con magnifico, stupendo o sfarzoso … non rende fino in fondo l’idea.  Gorgeous è gorgeous, non c’è niente da fare.

Gorgeous lo si usa quando si vede qualcosa di particolarmente bello, che ci illumina gli occhi, ci riempie il cuore e soddisfa la nostra mente. Gorgeous lo si esclama con gli occhi spalancati e pieni di stupore davanti alla purezza ideale del volto della Venere del Botticelli; Gorgeous è l’aggettivo perfetto quando per la prima volta si entra in Piazza dei Miracoli a Pisa: i prati verdi e il bianco del marmo dei monumenti sono per forza di cosa gorgeous: resti lì a bocca aperta, incredulo per l’esistenza di una tale meraviglia.

Gorgeous lo si sossurra assaporando il migliore dei vini, servito alla temperatura perfetta e nel bicchiere giusto, dal nostro Lui a metà cena di una “serata ideale”: la luce è soffusa, la musica lieve e allora assapori il vino, cerchi il suo sguardo, occhi leggermenti languidi e con un filo di voce e un leggero ammiccamento ti lasci andare ad un sensuale “Gorgeousss”, magari scuotendo  in senso di approvazione la testa. Il dopo cena è assicurato.

Gorgeous è il premio che, neanche a farlo a posta, mi è giunto oggi via mail, speditomi da Aracne. Troppo buone le amiche. Nell’accettarlo devo rispondere a 5 domande.

Quando hai comiciato il blog? Ottobre 2009

Su cosa scrivi? Sono onnivora

Che cosa rende il tuo blog speciale? Il personaggio  Sol’

Cosa ti ha spinta ad iniziare? Una scommessa

Cosa cambieresti nel tuo blog? Niente

E regalare il premio ad altri cinque blogger.

Si accettano raccomandazioni!