Regalami la felicità

Ci sono regali che ci fa la vita ogni giorno e noi non ce ne accorgiamo.
Il telefono che squilla inaspettato, con il nome dell’amico che non sentivamo da mesi che appare sul display.
La canzone del cuore suonata alla radio, che ci fa cantare a squarciagola in macchina la mattina mentre andiamo a lavoro, nel primo giorno di pioggia settembrina.
I piedi freddi di mia figlia che si insinuano sotto le mie gambe, la sera quando guardiamo assieme un film sul divano di salotto.
Il profumo di brioche quando entriamo in un bar dopo aver giurato a noi stesse: “Oggi solo un caffè”.
L’odore di sole e fiori che assaporate la sera stanchi quando vi stendete nel letto con i lenzuoli freschi e puliti di bucato.

Per non parlare di quei dieci euro ritrovati nella tasca dei pantaloni appena ritirati dalla lavanderia dopo le ferie a settembre: solo dieci euro, fra averli e non averli poca è la differenza, ma la felicità si sa, non ha prezzo!

Pensa a questo: quando ti regalano un orologio, ti regalano un piccolo inferno fiorito, una catena di rose, una cella d’aria.

Non ti danno soltanto l’orologio, tanti, tanti auguri e speriamo che duri perché è di buona marca, svizzero con àncora di rubini; non ti regalano soltanto questo minuscolo scalpellino che ti legherai al polso e che andrà a spasso con te.

Ti regalano – non lo sanno, il terribile è che non lo sanno – ti regalano un altro frammento fragile e precario di te stesso, qualcosa che è tuo ma che non è il tuo corpo, che devi legare al tuo corpo con il suo cinghino simile a un braccetto disperatamente aggrappato al tuo polso.

Ti regalano la necessità di continuare a caricarlo tutti i giorni, l’obbligo di caricarlo se vuoi che continui ad essere un orologio; ti regalano l’ossessione di controllare l’ora esatta nelle vetrine dei gioiellieri, alla radio, al telefono.

Ti regalano la paura di perderlo, che te lo rubino, che ti cada per terra e che si rompa.

Ti regalano la sua marca, e la certezza che è una marca migliore delle altre, ti regalano la tendenza a fare il confontro fra il tuo orologio e gli altri orologi.

Non ti regalano un orologio, sei tu che sei regalato, sei il regalo per il compleanno dell’orologio.

(da “Storie di Cronopios e di Famas” di Julio Cortazar)

Informazioni su solindue


21 responses to “Regalami la felicità

  • Franz

    C’è un’ape che si posa
    su un bocciolo di rosa:
    lo succhia e se ne va…
    Tutto sommato, la felicità
    è una piccola cosa.

    (Trilussa)

  • arthur

    Pensa che potrei “impazzire” di felicità se solo trovassi una fisarmonica come quella che hai fotografato, per guardarla, per suonarla, soltanto per possederla o magari perché il suo suono mi ricorda momenti sereni, una musica e una danza che per la sua dolcezza, fa felicità.

    E poi, se il buon giorno si vede dal mattino… malgrado oggi ci sia nuvolo, mi sembra che risplenda il sole.

    ‘giorno!

  • Luisa

    Buon pomeriggio, io ho avuto due regali, due angioletti mandati dal cielo quando avevo bisogno e non speravo in niente. Una la sento raramente,ma penso a lei sempre con affetto, l’altro è la mia gioia da anni. Anche mia madre, sapendo che i miei piedi sono spesso freddi, aveva sollevato un lembo del suo piumone affinchè li poggiassi contro di lei e potesse scaldarmeli. Un gesto semplice d’amore che voi mamme sapete fare e che noi figlie ricordiamo con tenerezza. ciaooooo🙂

  • Monica

    Quando sento persone lamentarsi perchè non sono felici mi rattristo un attimo, perchè queste persone nel loro avere tutto non hanno nulla. Felicità è alzarsi al mattino e sorridere, per un nuovo giorno che ci attende, per le splendide persone che ci stanno accanto. Felicità è credere in questo splendido oggi. Felicità è credere che qualcuno rende questo possibile.
    Felicità è avere un mondo di amici magici. Un bacio a tutti voi

  • pani

    un bell’organetto ma anche piuttosto costoso.
    Io, per essere ancora più felice, da almeno dieci anni non porto più l’orologio. Ormai non ce n’è più bisogno e anche questo è diventato un orpello esteriore. L’ora è sul cellulare, sul cruscotto dell’auto, sullo schermo del PC, sul campanile, i tabelloni…

    • solindue

      Non credo che la felicità sia nell’avere o meno l’orologio al polso. L’importante è non farsi prendere dall’ansia del trascorrere del tempo. Ammetto che nella mia settimana ci sono giornate così piene che non sempre riesco ad evitare lo stress da “appuntamento uno dietro l’altro” … Vissute cioè con l’orologio stampato nella testa e nello stomaco. Sigh!

  • kate

    Il sorriso di un bimbo o la sua manina che stringe il tuo dito come fosse il sostegno della sua vita…

    quante cose preziose ma non costose ci sono e noi a volte le diamo per scontate…

    Un bacio granze Sol

    Kate😀

  • kate

    GRANDE NON GRANZE…opsssssssssssssssssssssssssss
    😉 kate

  • Fabio

    Accumuli altri per sé ricchezze di biondo oro

    e possegga molti iugeri di terreno coltivato

    e lo spaventi la continua ansia del nemico vicino

    e le trombe di guerra col loro suono gli tolgano il sonno;

    la mia modesta condizione mi conduca attraverso una vita tranquilla,

    purché il mio focolare risplenda di fuoco mai spento.

    Questo diceva Tibullo e penso anch’io che la felicità risiede nelle piccole cose. Un caro salto, Fabio

  • solindue

    “Che piacere sentire, disteso nel letto, il vento che infuria e tenere la propria donna tra le braccia”.
    Sembra una piccola cosa ma essere tenuti fra le braccia è davvero una gran felicità, e poi anche questo lo diceva Albio … Tanto tempo fa…
    Un abbraccio, caro Fabio

  • Luisa

    “Quando è stata la prima volta che ho provato questo incantevole abbandono possibile solo in due? La quiete che avvertiamo quando siamo soli, la sicurezza di noi stessi nella serenità della solitudine non sono niente in confronto al saper abbandonarsi, al saper aspettare e al saper ascoltare che si vivono con l’altro, in una complice compagnia…Quando è stata la prima volta che ho provato questa felice rilassatezza in presenza di un uomo? Oggi è la prima volta. ” da “L’eleganza del riccio”. Le ho appena lette, mi hann fatto pensare a te e ho pensato di regalartele (spero non ti dispiaccia). Buonanotte🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: