Piaceri

Ben arrivato. Accendi tu la musica?

 

 

Questa sera sono alla ricerca di un piacere speciale.

Qualcosa che abbia l’effetto coccole. No, niente scollature inattese, quelle che catalizzano gli sguardi solo lì.  Qualcosa di diverso, ci vorrebbe qualcosa studiato apposta per l’occasione. Una serata non superficiale, nè troppo sofisticata.

Deve essere l’emozione che porta a scegliere i componenti di una serata.

L’ambiente. Un angolo esclusivo. Candele profumate e petali di fiori? No, non vorrei banalizzare l’incontro. Tutto troppo già vissuto. Ci vuole qualcosa che sia come un abbraccio per la mente. Qualcosa che possa sbriciolare ogni limite, che possa far prendere corpo alle allucinazioni. Qualcosa di multisensoriale. Tovaglia di lino, leggermente ruvida al tocco. Teneramente azzurra certamente, come gli abissi in cui ci nascondiamo.

Profumi. La scelta ricade su essenze rilassanti, leggere ma avvolgenti. Vapori di passato, che comunque stordiscono come ricordi di lontani viaggi in oriente.

Luci. Mille luci spente. Basterà una scintilla: rivelatrice di mille segreti e misteri.

Poesie.
(…) Nuvole… Sono come me un passaggio figurato tra cielo e terra, in balìa di un impulso invisibile, temporalesche o silenziose, che rallegrano per la bianchezza o rattristano per l’oscurità, finzioni dell’intervallo e del discammino, lontane dal rumore della terra, lontane dal silenzio del cielo,
Nuvole… Continuano a passare, continuano ancora a passare, passeranno sempre continuamente, in una sfilza discontinua di matasse opache, come il prolungamento diffuso di un falso cielo disfatto.

E infine lei l’ingrediente pricipale, l’unico. Fesca e nutriente. Cremosa al punto da riuscire a riscaldare la pelle. Lei da assaporare con gli occhi e con indomabile entusiasmo.
Candida panna.

Accendi tu la nostra musica?

Informazioni su solindue


14 responses to “Piaceri

  • Luca

    Dolce, sensuale e ammiccante ……..prorpio come la panna!!!!!!!!!!!!!!😉 😉 😉

  • solindue

    Grazie Luca.
    Prima però di ricevere altre faccette ammiccanti (me la sono cercata!) vi racconterò.
    Ho letto ieri l’ultimo scritto di Alan . Anzi l’ho letto e riletto e mi è entrato dentro per la sua violenza e durezza. In contrapposizione ho voluto “regalargli” una serata di dolcezze e tranquillità. Si sa lui vive di notte.
    La scelta della musica non è casuale. Sensuale e dolce, ma non sto chiedendo a nessuno di scappare con me! E’ una famosa canzone regalatami qualche tempo fa un amico e che è semplicemente rimasta impressa profondamente nel mio cuore.
    Immagino la precisazione fosse doverosa.
    Buona giornata a tutti.

  • stellasolitaria

    Cara amica, che belle le tue parole. Ho letto e riletto questo pezzo, è semplicemente una favola, forse perchè è semplicemente quello che ti passava per la testa. Per stare bene un trucco c’è ed è volersi bene e stare bene con se stessi.
    Ti abbraccio stella nella nebbia

  • Alfonso Mormile

    Ho acceso e ho sognato… e ti ho vista mentre mangiavi la panna.🙂

    Felicissima giornata.

  • Giovanni

    Ciao, sono passato per leggereti e per conoscerti.
    ciao

  • arthur

    L’atmosfera è ideale per ascoltare Autumn Leavers suonata dalla magica tromba di Miles Davis, appena in sottofondo a degli occhi che si cercano e delle mani che non sanno ancora dove andare.

    Una coppa di Côte des Blancs che con le sue bollicine lascia immaginare un gusto che s’intreccia alle parole appena sussurrate, accompagnate al rumore di un battito che annuncia l’inizio di un’avventura…

    Candida panna, bianca, morbida, soffice, come la brezza mattutina che sfiora le guance, ma senza lasciar traccia…

    … una granita di caffè con panna, che poi è l’ideale per un fine di serata d’eccezione…😉

  • solindue

    Oh cielo!!! Questo sì che è ammiccare!!!

  • arthur

    Oh, Mon Dieu, chi osa ammiccare?🙂

  • solindue

    Dante Pugatorio XXI, 104 – 111

    (…) ‘Taci’;
    ma non può tutto la virtù che vuole;
    ché riso e pianto son tanto seguaci
    a la passion di che ciascun si spicca,
    che men seguon voler ne’ più veraci.
    Io pur sorrisi come l’uom ch’ammicca;
    per che l’ombra si tacque, e riguardommi
    ne li occhi ove ‘l sembiante più si ficca…

    parafrasi 🙂

    (…) Taci,
    ma la parola non può essere sempre potente;
    poiché riso e pianto seguono con tanta prontezza il sentimento
    che la volontà non riesce a dominarlo.
    Io non riuscì a celare un sorriso ammiccante;
    per cui l’ombra smise di parlare,
    e mi guardò negli occhi,
    dove più palesemente si concentra l’espressione…

  • Fra Puccino

    Mi piace come hai descritto l’atmosfera di questo incontro (immaginario, reale?), mi sa che al prossimo appuntamento ti ruberò le idee

  • arthur

    E parlando di piaceri…
    Milonga del Angel di Astor Piazzolla, un brano da ascoltare rigorosamente in cuffia, lasciandosi cullare da una barca che solca le onde silenziose del mare…;)

    Buon fine settimana!

  • riccardo uccheddu

    Ma dove lo trovo,io, un blog in cui si cita Dante con tanto amore e tanta competenza?
    Io, qui, ci metto le tende e se è per questo, anche la roulotte.
    Okay, ripasserò con un commento almeno leggermente serio.
    Va bene, solindue?
    Ciao.

  • solindue

    Ciao Riccardo
    allora ti passo l’allacciamento alla corrente elettrica, bene?
    Non sono così competente, ma amo Dante, sia l’Inferno che specialmente il 33mo canto del Paradiso…sono una del luogo!
    Buona settimana.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: