Archivi del mese: ottobre 2009

happy halloween

halloween 09

solindue's property

GINGER ROGERS FACEVA TUTTO CIO’ CHE FACEVA FRED ASTAIRE,

MA ALL’INDIETRO E SUI TACCHI ALTI
stasera datemi pure della strega: ne riparliamo domani
(Pubblicato dietro insistenza del mio baby G.)
Annunci

Lui, Giovanni (il figlio del Portiere)

Giovanni

Ciao raga’,

sono  Giovanni, figlio di Mario, il portiere . Solindue mi ha chiesto di scrivere la  mia storia x questo blog. Ha detto una specie di tema come si fanno a scuola. s’è raccomandata senza parolacce, ma io mica le scrivo le parolacce nei temi, e comunuqe non ho capito ancora se sia una bufala e cosa vi possa fregare di me, ma ha detto che mi paga e quindi  raga  io vi scrivo di tosto. Basta però che nn cambiate quello che scrivo, l’ho già detto a Solindue (ma che  nome è?),  xchè nei film si vede che uno dice una cosa e poi i giornalisti ne scrivono un altra.

Ho quasi 16 anni e vivo in Romania con i miei nonni.  i miei genitori stanno in Italia. ci stavo anch’io in Italia. Mi sono fatto sei anni di scuole vostre.  sono arrivato che nn sapevo l’italiano e tutti mi guardavano di strambo. Tutti quei ragazzini figli di papà e fighetti, col nokia,  la mutanda di Dolce , pantalone col cavallo ciondoloni e la felpa  firmata.    A quattordici anni stanno in giro tutti col motorino fuori la sera fino alle 3 a rollare drum. e io che nn c’avevo manco i soldi x le siga? E che dovevo fare rubare? Stavo sembre con Poldo, io. Poldo è il mio meglio amico in Italia, c’ha i capelli biondi e gli occhi azzurri che raccatava le ragazze anche per me. Suo papi fa l’ortolano, con un negozio in viale Corsica, ma con il supermercato che gli  hanno aperto accanto lui dice che  non c’ha manco più un cliente. e Poldo allora stava con me  xchè se non c’hai il motorino tanto non entri nel giro. Io e Poldo da grandi ci abbiamo pensato tanto cosa vogliamo fare. xchè tanto lui l’ortolano non lo fa  e io non voglio mica stare a portare la posta a quei ricconi con la cravatta come fa il mio vecchio. Io e Poldo abbiamo un sacco di idee per diventare ricchi, ma se non c’hai i soldi x iniziare non si va da nessuna parte. Io lo so che dovevo studiare in Italia, la mia mamma lo dice, ma io lì non mi ci trovo x niente e allora ho detto a Poldo di aspettare che poi un giorno tanto torno e con le nostre idee noi poi si diventa famosi come quelli del Grande fratello.

cmq a me non  interessa nemmeno tanto diventare ricco.   per ora sto bene qui a casa mia  in Romania. Qui sono io quello  ke ha vissuto in Italia e parla due lingue. Sto pieno di ragazzine e so già famoso e poi i vecchi dei miei mi fanno fare quello ke mi pare.  comando io mica loro.

In Italia poi mi toccava a fare a botte con i bulletti del quartiere che mi aspettavano anche fuori di scuola. io mi sono sempre difeso bene perchè io sono muscoloso,  mica stavo lì a prenderle ma alla fine ho smesso di andarci a scuola. Poi è arrivato quel fetente del Preside e a mandato a chiamare la mia mamma. si facesse…. La mia mamma  a casa piangeva e si preoccupava perchè avevo fatto sega a scuola. Diceva che faceva sempre i sacrifici per me e che io l’avevo delusa. si è così disperata che alla fine s’è ammalata di cancro. Io lo so che è colpa mia. Per questo me ne sono andato. Se non ci sono più io a darle i dispiaceri sono sicuro che lei e il mio vecchio stanno meglio e che lei guarisce.

(p.s. ricevo adesso la mail di Giuseppe e così la pubblico senza permettermi nessuna correzione. Come promesso. Il tutto by Solindue)

Aspettate, non poteva certo  mancare il link!   http://ilmondodiarthur.wordpress.com/antologia-del-portiere/


A proposito di…

Solindue's property

Solindue's property

A proposito dell’Antologia del portiere….

http://ilmondodiarthur.wordpress.com/antologia-del-portiere/

Sono riuscita a contattare Giovanni in Romania (il figlio di Mario, il mio portiere).

La mia idea era quella di avere anche la sua versione della vita da “staniero” in Italia. Avrei voluto che anche lui come i suoi genitori scrivesse di sè. La cosa è diventata un briciolo complicata:  il giovanotto in questione sembra avere diverse pretese. Comunque dovremmo aver trovato a questo punto un accordo.

Il ragazzo, Giovanni, dovrebbe inviarmi qualcosa via mail  domani.  Vedrò di pubblicarla, non appena la ricevo, qui su questo blog e poi se Arthur è daccordo la inseriremo nell’Antologia del Portiere.

Spero apprezzerete i miei sforzi di regalarvi tutto “il film”.

A domani.


Il cigno nero

Dopo il gioco dell’ algoritmo qualcosa di serio.

regata 26-10

Ho un libro davanti a me del quale vorrei parlarvi. E’ uscito nel 2008, quindi forse molti lo avranno letto, forse no. Scritto da Nassim Taleb, saggista, empirista, operatore di borsa e filosofo, il libro ha come titolo “Il cigno nero”. Sottotitolo: “Come l’improbabile governa la nostra vita”.

Prima della scoperta dell’Australia … eravamo convinti che i Cigni fossero tutti bianchi. Convinzione pacifica, confutata dal fatto evidente che non era mai stato avvistato un Cigno nero. Immaginate la sorpresa degli ornitologi quando scoprirono che i Cigni erano anche neri.

La nostra conoscenza è dunque davvero così fragile: per mille anni avevamo avvistato Cigni bianchi e poi…ne è bastato uno nero e tutto intorno a noi è crollato. Tutte le nostre certezze …  pufff…  evaporate.

 Il Cigno  nero è quindi un evento improbabile, isolato e dunque imprevedibile, inoltre  ha un impatto enorme e ci obbliga a creare giustificazioni – magari a posteriori – che spieghino la sua comparsa. Esempio classico: l’undici Settembre:  i Cigni neri sono alla radice di ogni sconvolgimento della storia.

Il libro citato è davvero interessante, a tratti un po’ carico di “economia”, ma ambizioso e anche spiritoso nel volerci insegnare a non trascurare ciò che non conosciamo, nell’ incitarci a sfruttare tutte le opportunità e a cogliere sempre l’attimo.

Vivo nell’assoluto convincimento che dobbiamo cogliere l’attimo, quell’attimo di magia che spesso non riaccade più. Venivo da una settimana nella quale avevo riposato davvero poco (ecco le giustificazioni a posteriori).  Un figlio con febbre altissima, problemi di lavoro e mille complicazioni quotidiane comuni a tutti.  Sono partita comunque per la mia regata ed ho colto l’attimo, poco vento, un secondo di calma e mi sono rilassata sotto il caldo sole domenicale.  Ma ecco qui il Cigno nero. Pronto in agguato un giornalista che mi ha immortalato nella (brutta) foto sopra riportata. Ebbene sì quella rannicchiata che dorme sono io!

Esistono altre decine di foto che mi ritraggono in movimento e piena attività, ma ne è bastata una  – un Cigno nero che ha fatto il giro dei miei “amici” velisti  – e la mia reputazione di prodiere……..sic!

Che volete farci, impossibile lottare contro il destino: l’imprevedibile governa la nostra vita. Sempre.


Algoritmi ancestrali

.box404.net/nick/” target=”_blank”><img height=”200″ src=”.box404.net/nick.php?blog=https://solindue.wordpress.com&sex=f&color=dark&v=3” width=”180″ border

Non sono impazzita. Quello sopra è il mio algoritmo. Sì ragazzi, quello del prof. Pinetti.

Che dire, giro e giro per i vostri Blog e scopro mondi a me sconosciuti. Fra i tanti sono stata attratta da questo.

Sono un tipetto curioso e mi sono  chiesta cosa fosse un algoritmo. I miei ricordi scolastici collegavano gli algoritmi alla matematica, dunque non riuscivo a collegarci i vostri nuovi simpatici nicknames.  Il modo più semplice per scoprire di cosa  si trattasse è  stato ovviamente Wikipedia che cito pedissequamente “Intuitivamente, un algoritmo si può definire come un procedimento che consente di ottenere un risultato atteso eseguendo, in un determinato ordine, un insieme di passi semplici corrispondenti ad azioni scelte solitamente da un insieme finito.” …  dunque questo dovrebbe essere  chiaramente (??) il complicato – scusate “semplice” – procedimento eseguito dal Prof. in questione volto ad ottenere il nickname.

Certamente il nick  in questione, non è uno qualunque è un  nickname “ancestrale”. Ora ancestrale è evidentemente un aggettivo, il cui significato anche senza Wikipedia ha il significato di atavico, che deriva dagli antenati.

Goduria totale. Anche io capirete, dopo il Blogroll volevo il mio nickname ancestrale. Troppo bello. Chi di voi non ha ancora provato a richiederlo lo faccia subito,  è un’esperienza … a dir poco “eccitante”. Ci si collega al sito del Prof. si digita il proprio URL (suvvia, sapete benissimo cos’è!!)  il proprio sesso e poi si deve decidere di quale colore scegliere il certificato. C’è poco da scherzare ragazzi, il certificato deve potersi inserire perfettamente con i colori e pensieri del nostro Blog. Io ho scelto il “dark”.

Breve click ed il certificato è lì pronto. Immaginerete la mia felicità. Io, come avete visto,  sono  ETHEREAL RAIN:  Pioggia eterea. Pioggia impalpabile, angelica, indefinibile… Per Wikipedia ed il Prof. questo è dunque il mio “risultato atteso”. Oddio,  qualsiasi genere di sole sarebbe stato meglio, ma  accontentiamoci della pioggia purchè eterea,  io sono felice così. Adesso anche io come voi ho il mio Nickname Ancestrale. Evvvvaii!

p.s. Chiaramente non troverete il mio certificato al lato. Chi mi segue sa bene i problemi che ho con i link … e poi un nick nella mia vita mi basta e avanza, ma ad una giovane blogger tutto è concesso, vero??


Lei, Sandrina (la moglie del Portiere)

Solindue's property

Solindue's property

Salve sono Sandra vengo da Brasov, Romania.

Sono in Italia da quasi 7 anni, sono riuscita a partire due anni dopo il crollo del regime di  Ceausescu. La storia del mio paese tanto la sapete tutti. Solo allora sono riuscita a venire in Italia da mio marito. Lui si chiama Mario ed era scappato dalla nostra Romania 3 anni prima. Ha girato in clandestinità tutta l’Europa prima di arrivare in Italia. E’ un brav’uomo ma si era messo in cattiva luce con il regime comunista di allora. Abbiamo passato così tanti guai.

Abbiamo anche un figlio,  Giovanni, che adesso ha 15 anni. E’ stato con noi in Italia fino a questa estate, ma lui qui non si trovava bene.  Non ha voglia di andare a scuola e l’ultimo anno è stato un disastro. Un giorno dopo scuola ha fatto a botte con un compagno e poi ha saltato la scuola per quattro giorni. Quando il Preside mi ha chiamato, sono caduta dalle nuvole. Io non mi ero accorta di nulla. Mi sono arrabbiata tanto con lui, ma Mario dice che sono ragazzate. Comunque adesso è voluto restare in Romania dai nonni e io sono preoccupata che prenda brutte strade.

Mio marito fa il portiere in quel palazzo grande di via Micheli. Viviamo bene lì. Abbiamo due stanze e un bagno. Quando siamo arrivati otto anni fa’  le stanze erano già arredate, ma i mobili erano vecchi e i muri sporchi. Così io e Mario le abbiamo risistemate tutte, Mario è un sant’uomo: ha veramente le mani ed il cuore d’oro.

Io faccio le pulizie negli uffici del palazzo. Non è faticoso. Lavoro  la sera tardi quando tutti se ne sono andati. Alcuni uffici sono molto belli e a me piace stare lì dentro da sola la sera. Al secondo piano c’è uno studio di avvocati. In fondo al corridoio c’è la stanza più grande, con una scrivania di legno con la pelle sopra. A volte la sera mi siedo a quella scrivania e passo un po’ di tempo a sognare. Prendo in mano una penna, quelle nere con l’inchiostro e provo anche io a scrivere su un foglio bianco. Cerco di immaginarmi cosa si prova a stare lì a pensare, a leggere e a parlare con le persone a telefono.

Questa era la vita che speravo potesse avere Giovanni qui in Italia. Per questo io e  Mario abbiamo fatto tanti sacrifici. Non è mica facile neanche per noi la vita lontano dal nostro paese, dalle nostre famiglie e dai nostri amici.

Ma ora è diventato tutto difficile. Giovanni non vuole più tornare qui in Italia. Io credo che si sia impaurito perchè io mi sono ammalata e non ha la forza di vedermi soffrire. Anche lui ha il cuore di suo padre. A volte sembra che tutta una vita di sacrifici non servano. Basta niente e tutto sembra stato inutile, tutto sembra svanire  come una bolla di sapone.

 

p.s.  vedi anche  “L’Antologia del Portiere” da Arthur…

http://ilmondodiarthur.wordpress.com/antologia-del-portiere/


Lui, il portiere

doorman

 

 

Salve sono Mario e faccio il portiere.

Ho imparato  a dire buongiorno con un mezzo sorriso e chinando un pochetto la testa, tanto tempo fa’.

Sono in Italia da 8 anni. Vengo dalla Romania. Abito nelle due stanze accanto, cioè lì, dietro quelle scale, con mia moglie: c’è anche il bagno.  Abbiamo un figlio, Giovanni, di 15 anni,  ma lui è voluto tornare in Romania dai nonni.  Dice che non si sentiva a casa, che qui i compagni lo facevano sentire diverso. Io ce lo dicevo di avere pazienza e che qui ci sono i soldi. Ma finite le scuole a giugno è andato dai nonni e non è voluto più tornare. Per me ha trovato la morosa in Romania.

Io e mia moglie in Italia ci stiamo bene.

Io faccio il portiere in questo palazzo da 5 anni. Mia moglie fa le pulizie sia qui che nel palazzo accanto. Io ci sto bene qui. Nel palazzo ci sono solo uffici e la sera è un gran silenzio. Il sabato e la domenica è tutto chiuso e così noi ci si riposa. Ogni mattina devo dividere la posta; e arriva tanta posta, non è mica facile. Devi sapere di tutte le persone che ci lavorano. Non è che posso fare confusione. 

Le persone del palazzo sono carine, sempre gentili.  “Buongiorno Mario, buonasera Mario. Che freddo oggi, che caldo ieri…”. Un pochino mi ci annoio a fare il portiere tutto il giorno. Però quando si rompe qualcosa in un appartamento mi chiamano: ” Mario, aiutaci,  come si fa?” e allora mi sento importante, perchè io dicono che ho le mani d’oro.

Il pomeriggio c’è sempre calma, di solito qui non si ferma nessuno. 

Mercoledì c’era la partita alle sei e ho chiesto a mia moglie di stare lei lì fuori per la chiusura. Alle sette è sceso l’Avvocato del secondo piano e gli ha detto “Ti sei tagliata i capelli, eh Sandrina”. Me la son vista arrivare a casa che piangeva. Non riuscivo più a calmarla. Capirai, ha una parrucca. Cosa volete son sei mesi che fa chemioterapia per quel maledetto tumore.

“Oh Sandrina”, gli ho detto ” fai la brava, su.  Si vede che l’Avvocato non se n’era accorto!”

Salve sono Mario e faccio il portiere.

 

p.s. Vedi anche l’ “Antologia del portiere” da Arthur…

http://ilmondodiarthur.wordpress.com/antologia-del-portiere/